lunedì 16 dicembre 2013

I biscotti natalizi a Scicli: i"iadduzzi"


Alla riscoperta di antiche ricette: questi biscotti molto particolari fanno parte del patrimonio gastromico di Scicli. Sono tipici del periodo natalizio e anche se ormai alcune pasticcerie della città li propongono tutto l'anno, nella preparazione casalinga va scemando la tradizione, probabilmente per la laboriosità del procedimento e per scarsa voglia da parte dei giovani di preparare i biscotti in casa. Per non rischiare di perdere questo prezioso patrimonio ho attinto alla memoria di mia mamma perchè purtroppo le ricette di una volta non sono codificate: ho trovato alcune ricette antiche in un testo del dott. Portelli che anni fa ha svolto una ricerca tra gli anziani del paese ("Il gusto e i sapori" sulle tracce della cucina di Scicli e dintorni dall'800 ad oggi). Questi biscotti si chiamano "iadduzzi" cioè galletti: seguitemi nella preparazione.


Ingredienti per il ripieno: 1 kg di miele (ho usato quello tipico del mio territorio, cioè quello di carrubo), 300 g di farina, 400 g di acqua, scorza d'arancia, cannella, a piacere 200 g di mandorle.


Fare sciogliere il miele con l'acqua sul fuoco;


Aggiungere gradualmente la farina setacciata continuando a mescolare sempre a fuoco lento.


Aggiungere la scorza d'arancia e la cannella. 


Quando il composto avrà raggiunto la consistenza semi-gommosa mettetelo su un piatto a raffreddare.


Per la pasta esterna dei biscotti impastare 500 g di farina 00, 2 uova, 50 g di strutto, un pizzico di sale, vino bianco q.b. se l'impasto risultasse duro. Fate riposare la pasta altrimenti risulterà difficile stenderla.


Quando il ripieno sarà freddo, mettetelo su una spianatoia e formate tanti rotolini.


Tirate una sfoglia sottilissima e tagliatela a strisce di una larghezza tale da avvolgere il rotolino di miele.


Tagliate ogni biscotto della lunghezza di 10 cm circa praticando del taglietti alle estremità e piegandoli ad esse.


Sistemateli su una teglia e infornate a 180° per 10 minuti circa.


Sfornateli e fateli raffreddare.


Preparate la glassa di copertura (in dialetto "marmara") con zucchero a velo, albume d'uovo e qualche goccia di succo di limone.


Ricoprite i biscotti con la glassa alcuni interamente alcuni con dei ghirigori.


Dai ricordi di mio padre ho appreso che la copertura veniva ulteriormente decorata con dei colori alimentari spalmati con una penna di gallina per simulare probabilmente la cresta del gallo. Ho cercato di dar vita ai suoi ricordi dando qualche pennellata di rosso sulla glassa.


Ed eccoli pronti: Buone Feste con "i iadduzzi" di Scicli!



12 commenti:

  1. wow!!! sembrano squisiti e golosi, chissà che non ci provi subito buone feste rosa di kreattiva

    RispondiElimina
  2. Molto particolari e mooolto diedetici devo dire hihihi.. Complimenti bella e buona ricettina !! A presto..

    RispondiElimina
  3. quando mia mamma era con noi li preparavamo ogni anno : la sera si preparava il ripieno - mi ricordo che lei faceva ad occhio non aveva pesi per quanto riguarda la farina da aggiungere al miele diceva di mettere quella che richiedeva l'impasto . per il resto ci siamo . utilizzava il forno a legna e per fare la glassa utilizzava una penna di gallina . Complimenti per il risultato .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: le mamme hanno le ricette scritte negli occhi e nelle mani: i pesi degli ingredienti della ricetta li abbiamo ricavati a posteriori.

      Elimina
  4. Biscotti decisamente nuovi per me. Particolari nella lavorazione e di sicuro buonissimi.
    Bravissima

    RispondiElimina
  5. Nemmeno io li conoscevo Franca!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Belli e sicuramente buonissimi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ciaoo
    Sissi

    RispondiElimina
  6. Interessante questa ricetta! Se si volessero aggiungere le mandorle? Vanno tritate prima?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mandorle, tritate, vanno aggiunte durante la cottura del ripieno. Io non le ho messe perchè già è ricco di suo questo biscotto!

      Elimina
  7. Ciao Gufetta, cosa dire di questi deliziosi biscotti. Un lavoro certosino, che soltanto un' appassionata di cucina può fare, ottimo abbinamento d' ingredienti e tanta bravura nella decorazione!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Complimenti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mia la bravura quanto la tradizionale maestria nella lavorazione dei dolci appresa da mamme, nonne, zie, ecc. Comunque grazie dei complimenti!

      Elimina
  8. sono un capolavoro ...saranno sicuramente gustosissimi Complimenti!!

    RispondiElimina