lunedì 24 marzo 2014

Risotto con la torpedine


Il piccolo paese in cui vivo, Sampieri, si trova sul mare: capita a volte di trovarsi, la mattina, sul moletto dove approdano le barche dei pescatori. Di solito c' è più gente ad aspettare il pesce fresco della quantità di pescato disponibile: in questo periodo si trovano le seppie e tutti fanno a gara per accaparrarsele. Si trovano spesso nelle reti pesci non commerciabili, perchè magari poco conosciuti o "problematici" nella preparazione, che non di rado vengono regalati dai pescatori a chi li gradisce. E' il caso della torpedine, che in dialetto chiamiamo "triemula": malgrado la difficoltà nel privarla della pelle, trovo che sia uno dei pesci più buoni che conosco.


Eccola qui dentro il mio lavello. mi armo di pazienza e con un coltello affilato elimino la pelle coriacea.


Questo è il risultato.


Faccio soffriggere in olio extravergine d'oliva i pezzi di torpedine con uno spicchio d'aglio e del prezzemolo tritato.


Sfumo con mezzo bicchiere di vino bianco e aggiungo mezzo cucchiaio di concentrato di pomodoro. 
Aggiungo quindi tre mestoli d'acqua e completo la cottura regolando di sale. Dopo pochi minuti tolgo i pezzi di pesce dal brodo e li metto da parte. Filtro il brodo e lo utilizzo per cuocere il mio risotto (320 g per 4 persone).


Quando è pronto sistemo nel piatto il risotto e un pezzo di torpedine; decoro con un ciuffetto di prezzemolo ed è fatto: tutto il profumo del pesce fresco in un piatto da leccarsi i baffi!

1 commento:

  1. Anche io, vivendo sul mare, ammiro le barche dei pescatori e non manca mai il pesce fresco a tavola. Ottimo piatto.
    http://piubuonepiubelle.blogspot.it/

    RispondiElimina