google.com, pub-5268594712770720, DIRECT, f08c47fec0942fa0

lunedì 7 gennaio 2013

Polpettine di pane raffermo in brodo


Durante le festività natalizie abbiamo mangiato di tutto, antipasti, dolci, sughi particolari, focacce, ecc.; puntualmente ogni giorno il pane è rimasto nel suo sacchetto. Dato che appartengo al partito del "non si butta via niente" ho deciso di dargli l'importanza che merita, trasformandolo in un primo delizioso. Non ho certamente inventato io il piatto , mi sono ispirata ai canederli del trentino Alto-Adige, regione che amo in modo particolare. 


Ho messo il pane spezzettato ad ammorbidirsi con il latte; quando al tatto sentirete che non ci sono più pezzetti duri, strizzatelo,aggiungete uno o due uova (dipende dalla quantità);


aggiungete quindi degli spinaci lessati o altra verdura (ad esempio io ho utilizzato la borragine) strizzata e tritata e dei cubetti di speck (va bene anche il prosciutto crudo o la salsiccia). Insaporite con del parmigiano e, se l'impasto risultasse troppo morbido, aggiungete un po' di pangrattato e un cucchiaio di farina.


Con le mani inumidite formate delle palline che andrete a tuffare nel brodo bollente; quando verranno a galla sono cotte.


Servite le polpettine con una bella manciata di parmigiano grattugiato.



0 persone hanno commentato:

Posta un commento