google.com, pub-5268594712770720, DIRECT, f08c47fec0942fa0

domenica 7 ottobre 2012

LE POLPETTE DELLA NONNA

In queste domeniche d'autunno si va insieme a tutta la famiglia a raccogliere le olive; non scappa nessuno! Bisogna mettere da parte l'olio per l'annata e quindi pazienza. Il fine settimana passa quindi a "cutulari ulivi" e tra una chiacchiera e un mal di schiena arriva l'ora di pranzo: c'è aria di pic-nic. Fino a pochi anni fa la mitica nonna Carmelina preparava ogni ben di Dio per tutti, soprattutto per rinforzare "l'uomini ca travagghiunu"; nel menù tradizionale del  pic- nic  della raccolta delle olive e di quella delle carrube c'erano sempre le polpette che io oggi vi propongo e che a casa mia si mangiano spesso proprio perchè rimandano la mente a quelle belle esperienze.



Schiacciare delle patate lesse;


aggiungere della carne trita di vitello e di maiale, del pangrattato, del caciocavallo grattugiato, uova ( quelle che renderanno l'impasto morbido), prezzemolo tritato, uno spicchio d'aglio schiacciato o dell'erba cipollina, pepe nero e un po' di scorza di limone grattugiata.


Impastare bene, meglio se  fate riposare qualche ora in modo che si insaporisca bene; formare delle polpette e friggerle in olio d'arachide.


Pronte! In mezzo a una bella pagnotta, seduti all'ombra di un ulivo: cosa chiedere di più alla vita?




0 persone hanno commentato:

Posta un commento