google.com, pub-5268594712770720, DIRECT, f08c47fec0942fa0

venerdì 1 settembre 2017

Filetti di sgombro alle mandorle e pistacchi

 

Questa ricetta molto semplice valorizza in maniera eccelsa un pesce povero del Mediterraneo, tuttavia povero solo nel pensiero comune. Non sto qui a raccontarvi dei principi nutritivi e delle qualità peculiari del pesce azzurro, perchè questo non è il mio ruolo, bensì voglio dimostrarvi come la cottura e alcune procedure nella preparazione, lo possano rendere assolutamente gustoso e appetibile.


Ricavate dagli sgombri freschissimi i filetti: è molto semplice, ma nel caso non foste capaci, fatelo fare al vostro pescivendolo. Un filetto a persona è sufficiente se gli sgombri sono grossi.


Lasciate marinare il pesce in olio extravergine d'oliva, succo d'arancia e limone per un paio d'ore nel frigo.


Preparate l'impanatura con 1/3 di pane grattugiato, 1/3 di mandorle tritate e 1/3 di granella di pistacchio. Non per essere campanilista, ma io utilizzo mandorle siciliane e pistacchi di Bronte. Se si vuole si può aggiungere qualche erbetta aromatica, ma secondo me copre il gusto della frutta secca.


Passare i filetti nel composto facendolo aderire bene con le mani. Posizionare su una placca da forno rivestita di carta con un filo d'olio; versate un altro filo d'olio sopra i filetti e infornate a 180° per 20/25 minuti. Salate alla fine e servite caldo.




6 commenti:

  1. Idea davvero sfiziosissima anche da sfruttare x pesci meno saporiti che a casa mia faccio sempre fatica a cucinare :-)
    Grazie cara e felice we <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così: basta poco per rendere più interessante qualcosa che lo si ritiene poco.

      Elimina
  2. Mi piace il pesce gratinato con le mandorle, la prossima volta aggiungerò i pistacchi, bella idea!

    RispondiElimina
  3. Ottimi con questa crosticina croccante!!!

    RispondiElimina