giovedì 26 ottobre 2017

Sciroppo di melagrana o granatina


Il suo nome botanico è Punica Granatum: è un frutto che mette allegria per il colore, per la sua struttura caratteristica; io ho piantato diversi alberi nel mio giardino anche perchè  li adoro quando sono in fiore con i loro magnifici boccioli rossi. Le melagrane sono un po' difficili da sgranare e forse per questo non vengono usate tanto in preparazioni varie, ma piuttosto si preferisce usare i grani come guarnizione. E' però un peccato sprecare tanta abbondanza, per cui ho intrapreso la magnifica avventura di preparare la granatina, spesso usata nei cocktails; ho scoperto anche che questo sciroppo è ottimo come rimedio per la tosse, per cui al lavoro!


Sgrano un bel po' di frutti, mi fermerò quando avrò ottenuto 1 litro di succo. Come si fa?


Ho messo i grani nel robot da cucina, dopo filtrerò per eliminare i semini; se avete un estrattore sarà molto più semplice o in alternativa anche uno spremiagrumi.


Finalmente ho un litro di succo: ora lo metterò a decantare in frigo per 24 ore: questa operazione farà in modo che sul fondo si depositi la mucillagine. Il giorno dopo lo tiro fuori, filtro e aggiungo 400 g di zucchero, quindi lo rimetto in frigo per altre 24 ore per farlo decantare ulteriormente.


Questo è il risultato: un succo di un bellissimo color rubino perfettamente trasparente. Ora lo verso in una pentola con altri 400 g di zucchero e il succo di un limone. Metto sul fuoco e faccio sobbollire per una trentina di minuti.


Imbottiglio ancora caldo e tappo: la mia riserva di bontà è pronta!


Vi suggerisco un cocktail analcolico buonissimo: succo d'arancia, succo di limone e granatina in parti uguali versati  in un bicchiere riempito per un terzo di ghiaccio, una spruzzata di Sprite e una fetta di limone per decorare. 


2 commenti:

  1. Ma lo sai che pensavo che frullandoli, i semini interni rendessero amaro il succo?? Chissà perchè! Proverò sicuramente ^_^

    RispondiElimina