google.com, pub-5268594712770720, DIRECT, f08c47fec0942fa0

venerdì 23 dicembre 2016

I "cardinali" biscotti della tradizione sciclitana


Nell'universo delle preparazioni dolci della tradizione natalizia a Scicli, ho riscoperto i "cardinali", biscotti di mandorla farciti. Ho trovato la ricetta in una raccolta di antiche ricette sciclitane. Voglio riportarla così come è scritta nel testo originale.
"kg 1 di mandorla abbrustolita, Kg 1 di zucchero, Kg 1 di farina 00, g 100 di cacao, 3 uova, cannella;
per il ripieno: g 100 di marmellata (cotogne o arancia), g 400 di mandorla bianca tritata, g 200 di zucchero, cannella, limone grattugiato.
Modo di operare: sbollentare le mandorle, sbucciarle, passarle a forno moderato e tritarle; preparare l'impasto con gli ingredienti indicati aggiungendo se necessario un po' d'acqua; lavorare l'impasto ottenuto, farne delle strisce arrotondate di circa 2,5 di diametro, tagliarle a pezzetti di 7 cm e con le mani bagnate nell'olio dare la forma desiderata dopo aver sistemato dentro un muchietto di ripieno; passare in forno (temperatura 200°) per circa 15/20 minuti; ricoprire successivamente con una glassa di zucchero e rimettere in forno tiepido."









Buone Feste a tutti!

8 commenti:

  1. Questi biscotti ripieni sono tipici anche della città di Patti (ME). Mio marito ci ha vissuto da ragazzo e me ne ha sempre parlato. Non sai da quanto tempo cercavo la ricetta! Grazie mille!
    Resta un mistero come una ricetta della tradizione sciclitana sia arrivata a Patti. Ma un'ipotesi si può fare: so che la ricetta pattese arriva da un monastero. Probabilmente una suora originaria di Scicli l'ha fatta conoscere a Patti. Comunque sia i Cardinali sono buonissimi! Io li ho assaggiati perché mio marito li compra tutte le volte che passa da Patti.
    Lo farò felice preparandoglieli. Grazie grazie e ancora grazie!
    Felice Natale,
    Rosa









    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che la tua ipotesi sia giusta. Le depositarie delle ricette dolciarie erano le suore benedettine che preparavano i dolci per le famiglie nobile che garantivano il loro sostentamento. Chi può dirlo se una suora da Scicli sia arrivata a Patti? Buone feste e grazie.

      Elimina
  2. entrare nel tuo blog e leggerti è, per me , una boccata di ossigeno...un tuffo nelle nostre amate tradizioni!!!bravissima mia cara
    ti faccio mille auguri di Buon Anno per te e la tua famiglia!! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio gli auguri per un anno ricco di salute e serenità. Grazie Mimma

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. a patti li fanno a forma di pasticciotti l'impasto e quasi uguale il ripieno e fatto di pasta di mandorla semplice .da un po di anni fanno la versione mini .anno la forma di pasticciotti è sono glassati con albume e zucchero a velo ed in fine c'è messo dello zucchero colorato rosa che esalta il bianco della glassa.sono una specialità pattese come tante altre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molte ricette della tradizione siciliana hanno elementi somiglianti!

      Elimina