venerdì 23 dicembre 2016

I "cardinali" biscotti della tradizione sciclitana


Nell'universo delle preparazioni dolci della tradizione natalizia a Scicli, ho riscoperto i "cardinali", biscotti di mandorla farciti. Ho trovato la ricetta in una raccolta di antiche ricette sciclitane. Voglio riportarla così come è scritta nel testo originale.
"kg 1 di mandorla abbrustolita, Kg 1 di zucchero, Kg 1 di farina 00, g 100 di cacao, 3 uova, cannella;
per il ripieno: g 100 di marmellata (cotogne o arancia), g 400 di mandorla bianca tritata, g 200 di zucchero, cannella, limone grattugiato.
Modo di operare: sbollentare le mandorle, sbucciarle, passarle a forno moderato e tritarle; preparare l'impasto con gli ingredienti indicati aggiungendo se necessario un po' d'acqua; lavorare l'impasto ottenuto, farne delle strisce arrotondate di circa 2,5 di diametro, tagliarle a pezzetti di 7 cm e con le mani bagnate nell'olio dare la forma desiderata dopo aver sistemato dentro un muchietto di ripieno; passare in forno (temperatura 200°) per circa 15/20 minuti; ricoprire successivamente con una glassa di zucchero e rimettere in forno tiepido."









Buone Feste a tutti!

4 commenti:

  1. Questi biscotti ripieni sono tipici anche della città di Patti (ME). Mio marito ci ha vissuto da ragazzo e me ne ha sempre parlato. Non sai da quanto tempo cercavo la ricetta! Grazie mille!
    Resta un mistero come una ricetta della tradizione sciclitana sia arrivata a Patti. Ma un'ipotesi si può fare: so che la ricetta pattese arriva da un monastero. Probabilmente una suora originaria di Scicli l'ha fatta conoscere a Patti. Comunque sia i Cardinali sono buonissimi! Io li ho assaggiati perché mio marito li compra tutte le volte che passa da Patti.
    Lo farò felice preparandoglieli. Grazie grazie e ancora grazie!
    Felice Natale,
    Rosa









    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che la tua ipotesi sia giusta. Le depositarie delle ricette dolciarie erano le suore benedettine che preparavano i dolci per le famiglie nobile che garantivano il loro sostentamento. Chi può dirlo se una suora da Scicli sia arrivata a Patti? Buone feste e grazie.

      Elimina
  2. entrare nel tuo blog e leggerti è, per me , una boccata di ossigeno...un tuffo nelle nostre amate tradizioni!!!bravissima mia cara
    ti faccio mille auguri di Buon Anno per te e la tua famiglia!! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio gli auguri per un anno ricco di salute e serenità. Grazie Mimma

      Elimina