lunedì 4 aprile 2016

Calamarata alle seppie e pisellini freschi

 

Le seppie in questo periodo, mal tempo a parte, riempiono i banconi delle pescherie. Sono molto versatili in cucina, protagoniste nelle fritture, negli arrosti di pesce e nei primi (conosciutissima la pasta con il nero di seppia).


La cosa fondamentale è la freschezza della materia prima: questo è ciò che ho trovato stamattina al rientro delle barche, nel porticciolo del paesino in cui vivo.


Pulisco le seppie, le taglio a striscioline, le faccio rosolare con uno spicchio d'aglio in camicia e olio extravergine di oliva. Sfumo con mezzo bicchiere di vino bianco e aggiungo qualche pezzetto di pomodorino ciliegino e una manciatina di piselli appena sgusciati. Completo la cottura, regolo di sale e di pepe e infine aggiungo del prezzemolo tritato.


Faccio cuocere la calamarata in abbondante acqua salata, scolo al dente e unisco all'intingolo che ho preparato. Faccio saltare la pasta e servo subito. Buon appetito!

10 commenti:

  1. mi sta venendo una fame cara, che piatto delizioso!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  2. Che buono il pesce appena pescato :-P Questa pasta è un vero sogno :-P
    Buon inizio settimana tesorina <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetta questa calamarata alle seppie, complimenti<3

      Elimina
    2. Soprattutto buona e profumata di mare!

      Elimina
  3. Ciao! Da conterranea sono stata attirata dal tuo nome in un blog in cui hai lasciato un commento :-) Mi sono unita con piacere al blog, questo piatto è squisitissimo! Ti seguirò volentieri. Un saluto e buona giornata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero lo scambio possa essere reciproco. Grazie dei complimenti!

      Elimina