mercoledì 14 gennaio 2015

"I Mucatoli"

 
I mucatoli sono dei biscotti tipici, molto antichi, della pasticceria modicana. Si preparavano soprattutto durante le festività invernali in quanto a base di frutta secca e quindi lungamente conservabili. Ho rispolverato questa ricetta in un vecchio quadernetto che mia mamma tiene gelosamente conservato. Gli ingredienti sono: 300 g di mandorle, 300 g di noci, 300 g di fichi secchi, 450 g di miele, 450 g di vino cotto, farina q.b. (almeno 100 g), cannella, chiodi di garofano, buccia d'arancia grattugiata.


Il peso delle mandorle e delle noci si intende da sgusciate; tritate la frutta secca in un mixer.


La grossezza dovrà essere questa.


Fate sciogliere sul fuoco il miele, aggiungete la cannella (un cucchiaino) e alcuni chiodi di garofano frullati finemente.


Unite il vino cotto ( se non riuscite a procurarvelo sostituitelo con dell'altro miele); quando sarà caldo aggiungete la frutta secca tritata.


Continuate a mescolare per evitare che il composto si attacchi e nel frattempo fate cadere piano piano la farina setacciata in modo che si amalgami piano piano. La quantità non è ben definita perchè vi dovrete fermare quando il composto sarà abbastanza sodo.


Quando con il cucchiaio sentirete che tende a staccarsi dal fondo della pentola, è pronto! Alla fine unite la buccia d'arancia grattugiata.


Versate l'impasto così ottenuto in un vassoio per farlo raffreddare.


Impastate 300 g di farina 00 con 50 g di strutto, un pizzico di sale, il succo di mezzo limone e acqua quanto basta ad ottenere una consistenza soda. Fatela riposare coperta da una pellicola.


Tiratela in una sfoglia molto sottile e ritagliate delle strisce larghe 4 cm circa.


Sistemate al centro di ogni striscia un rotolino di ripieno.


Avvolgete la pasta al ripieno: come vedete una parte rimarrà ben visibile. Tagliate i biscotti della lunghezza di 10 cm circa.


Posizionarli su una teglia e infornarli a 180° per 10 minuti circa: la pasta non dovrà colorirsi troppo.


Appena sfornati potete decorarli con dei fili di glassa di zucchero oppure lasciarli così.


Una dolcissima riscoperta!
Questa ricetta partecipa al contest http://www.litalianelpiatto.blogspot.it/p/regolamento.html

16 commenti:

  1. Ma che belli che sono O_O hai fatto benissimo a rispolverare questa ricetta, è un vero tesoro :-)
    Complimenti e grazie x aver condiviso questa preziosa ricetta della tua tradizione ^_^
    Buona serata e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una ricetta molto legata ai miei ricordi di bambina. Ormai realizziamo dolci che richiedono poco tempo, invece io ricordo i giorni prima in cui si dovevamo schiacciare le mandorle, le noci per non parlare di quando in estate si raccoglievano questi frutti; bisognava essiccare i fichi per averli poi a disposizione; e poi cuocere a fuoco lento in autunno il mosto per fare il vino cotto.... Insomma non è quantificabile il tempo e l'amore che si dedicava a questi dolcetti da offrire poi agli ospiti sulla tovaglietta di lino ben stirata. Grazie per l'apprezzamento che sempre mi dimostri. Buona serata

      Elimina
  2. Li conosco e li apprezzo tantissimo!!! bravissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Si fanno anche a Palermo? L'anno scorso a Monreale, in una pasticceria ho assaggiato un biscotto che aveva un ripieno simile ma un involucro di frolla. Ciao Mimma

      Elimina
  3. Ma lo sai che anche in Sardegna si fanno dei dolcetti molto simili a questi? Si preparano in occasione di ognisanti e vengono chiamati caschettas, o tillicas, a seconda della zona di produzione. Noi usiamo la sapa ( il mosto d'uva cotto) ma forse è la stessa cosa del vin cotto?

    RispondiElimina
  4. E dire che ho una cognata sarda ma non me l'ha mai detto.SI il vino cotto corrisponde alla vostra sapa. Abbiamo antenati comuni. Grazie della visita!

    RispondiElimina
  5. Questi li conosco! Il vino cotto gli conferisce un sapore molto particolare, ma gli ingredienti richiamano i colori ed i sapori della tua bella terra :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così! Peccato questi dolci ormai stiano scomparendo!

      Elimina
  6. ma sono meravigliosi, questa ricetta è davvero molto interessante e per il nostro contest è perfetta! Hai capito perfettamente il tema richiesto... grazie per aver partecipato!!

    RispondiElimina
  7. Assomigliano tanto ai dolcetti che prepariamo per Natale. Io personalmente con gli stessi ingredienti preparo il salame di fichi . Grazie per la partecipazione.

    RispondiElimina
  8. Bravissima Franca, questi dolcetti li conosco bene e i tuoi sono meravigliosi, autentici e ben fatti! Complimenti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a tutte per i complimenti, mi ripagano dell'impegno nell'andare a scovare queste meravigliose ricette che ormai non si fanno più in casa, e anche quando appaiono in qualche pasticceria risultano modificate e non rispettose della tradizione.

      Elimina
  9. Complimenti per questa ricetta e grazie per avercela regalata partecipando al nostro contest, un dolce tradizionale che merita di essere conosciuto.
    Alla prossima

    Loredana

    RispondiElimina
  10. Che bella persona devi essere Franca da ciò che ho letto su di te. Mi fa piacere averti ed essere tra gli amici sul blog. Allora... a prestissimo.
    Ciao da Lorena (quella dell'Italia nel piatto)

    RispondiElimina
  11. Complimenti Gufetta! hai vinto il nostro contest-raccolta del mese di gennaio! La tua ricetta è stata molto apprezzata da tutti i partecipanti della rubrica, da oggi pubblicheremo la foto e il link sul nostro blog che tu conosci! Grazie ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa se rispondo in ritardo: sono molto contenta dell'apprezzamento! Grazie infinite e arrivederci alla prossima raccolta.

      Elimina